ZEBRAS 2011 PDF Stampa E-mail

ZEBRAS 2011

Gallerie fotografiche: Diamanti Mandarino - Passeri del Giappone - Momenti

COMMENTI DI TERENZO FORGANI SU ALCUNI DEI MANDARINI FOTOGRAFATI A ZEBRAS 2011

Classifiche

Eccoci qui! Anche per quest’anno la tanto attesa Zebra’s si è conclusa, e come ogni anno ritorno distrutto ma appagato per aver passato un fine settimana davvero unico. L’edizione 2011 ha riportato un numero di soggetti esposti che ha superato le 1000 unità, grande risultato nonostante l’assenza di qualche partecipante storico alla manifestazione, e la concomitanza con il mercato olandese di Zwolle. Noi comunque come ogni anno abbiamo dato tutto il nostro meglio per renderla sempre più piacevole e professionale. La squadra del basso Lazio, sempre la stessa, io e Nunzio; partenza ore 21:00 del venerdì con la macchina carica di trasportini (ne avevamo 20) box fotografico e valige. Poi via, una nottata in viaggio attraverso l’Italia, tra una chiacchiera, una sosta ed un caffe i chilometri e le ore passavano e di buon’ora siamo arrivati a destinazione. Arrivato Manuele Piccinini ad aprire i locali, abbiamo come prima cosa ingabbiato i nostri 60 soggetti (30 ciascuno),

quest’anno la gestione della mostra è stata del tutto computerizzata, a cominciare dalle liste d’ingabbio per proseguire più avanti nella gestione dei punteggi e la redazione delle classifiche. Ogni portagabbie aveva la sua lista di soggetti da prelevare tra le cavalle e da portare al giudice, una volta giudicata la categoria completa si mettevano tutte le schede di giudizio nella busta della categoria e si portava in segreteria dove la gestione mostra immetteva i dati nel database, i punteggi venivano registrati da un lettore ottico ed in automatico si aggiornava il database. Anche il club del Passero del Giappone ha esordito con delle schede di giudizio personalizzate, con tanto di rappresentazione grafica della mutazione giudicata.  Zebra’s è stato un banco di prova per questo sistema di gestione! Intanto io mi ero sistemato nel soppalco con tutta la mia attrezzatura, in attesa dei primi giudizi. I giudici, olandesi coadiuvati da italiani per il giudizio dei Diamanti mandarino, ed italiani per i Passeri del Giappone, Gould e tutti gli altri esotici. Dopo l’iniziale briefing dove Ivano e Manuele hanno illustrato le nuove schede di giudizio e la modalità di compilazione, sono iniziate intorno alle 10:00 le operazioni di giudizio.

Tra l’andirivieni dei portagabbie dalle cavalle ai tavoli si respirava quell’atmosfera unica che solo in queste occasione si viene a creare, la curiosità, l’attesa,  scrutare con lo sguardo l’occhio del giudice che osserva il nostro soggetto, per cercare di carpire dall’espressione cosa ne pensa e cosa scriverà sulla scheda di giudizio.

Poi man mano i tavoli si svuotano e si spera sempre che il proprio soggetto non sia tra quelli portati via per primo! Già intorno all’ora di pranzo alcune categorie erano state giudicate, e lista partecipanti alla mano ho iniziato a fotografare i soggetti migliori, esclusi i 93, che avrebbero concorso nel pomeriggio al Best in Show. Ad ora di pranzo la SOR ci ha preparato come ogni anno un’abbondante tavolata con prelibatezze locali. Tutta la giornata è passata così tra tante foto e qualche chiacchiera con gli amici che erano presenti il sabato, tra occhi gioiosi per un bel risultato e qualche sguardo deluso per un risultato non secondo le aspettative; il  mondo delle esposizioni è anche questo: gioie e dispiaceri. Le operazioni di giudizio sono state molto serrate, i soggetti da visionare tanti, ma a discapito del poco tempo i giudici hanno fatto un lavoro ineccepibile, sono stati scrupolosi, e le annotazioni sulle schede sono state come sempre utilissime per capire al meglio il perché di questo o quel punteggio.

I giochi erano fatti, i giudizi terminati e tutti gli esemplari esposti avevano il proprio punteggio, i due best in show sono stati rispettivamente un maschio grigio mascherato di Kanselaar Arno con 94 punti ed una femmina grigia petto bianco di Fabio e Carlo Muraro con 93 punti,

personalmente posso ritenermi soddisfatto con 3 primi, 6 secondi  e 4 terzi  posti (VEDI PALMARES). Una delle soddisfazioni maggiori però è stata quando Massimo mi ha chiamato perché c’era Berend Bosch che voleva parlarmi in merito ai miei Mandarini INO. Dei 4 allevatori che avevamo presentato i 15 soggetti esposti quest’anno (Sergio L., Enea C. Enrico F. ed io) era l’unico che ci aveva lavorato con i Grigio, e dalle note sulle schede abbiamo dedotto che la via da seguire è appunto quella del grigio. Ebbene Bosch mi ha chiesto, come lo ha fatto con Sergio, dei soggetti per il prossimo anno, questo non può che renderci orgogliosi, noi che ci stiamo lavorando da qualche anno, ma più di noi allevatori come Sergio, Enrico, Alberto, che hanno portato avanti per anni questa mutazione nata in Italia, e finalmente questa potrebbe essere la consacrazione a livello internazionale. Vedremo cosa ci riserva il futuro!

Dopo una giornata così estenuante  piena di incontri, nuovi e vecchi, risate, chiacchierate, emozioni e qualche rammarico, ci siamo finalmente recati in albergo, per prepararci alla tavolata serale, per chiudere in bellezza la giornata. Tavolata composta da una quindicina di noi, il tema principale della serata naturalmente non poteva essere altro che il commento a caldo della giornata di giudizio e dei risultati.

La mattina di domenica è iniziata molto presto, questa come ogni anno è la giornata dove si fanno più incontri, perché c’è la mostra scambio che attira maggiormente i visitatori. Immediatamente ho iniziato a fotografare i primi di tutte le classi, con l’indispensabile aiuto di Massimo e Vilma che sono stati fondamentali per snellire le operazioni che portavano alla foto finale. Nel frattempo cominciavano ad arrivare le prime telefonate di tutti quegli amici a cui avevo portato dei soggetti da cedere, uno dopo l’altro i trasportini si svuotavano, ma quasi subito si riempivano con esemplari che prendevo. A fine giornata avevo più esemplari di quanti ne avevo portati. Ad ora di pranzo è stato allestito il solito banchetto pic-nic, purtroppo sono riuscito a fare solo una visitina veloce, la calca intorno ai tavoli era notevole ed avevo poco tempo per finire di fotografare i primi, soprattutto i passeri che si sono rivelati poco collaborativi! Ho avuto nel contempo un piacevole scambio di opinioni con il Presidente SOR, l’Ing. Banfi persona disponibilissima che ha manifestato il suo apprezzamento al lavoro che stavo facendo. Chissà forse un giorno potre fare lo stesso all’Internazione! Dalla gestione mostra Ivano è stato un punto di riferimento utilissimo ed impeccabile per ogni tipo di informazione di cui avevo bisogno. Ho finito di fotografare l’ultimo soggetto proprio in procinto della premiazione, anche in questa occasione tra un prosciutto ed un salame, tra uno spicchio di parmigiano ed un barattolo di sottaceti, un calendario ed un pacco di pastoncino, una stretta di mano ed un applauso ho fatto qualche centinaio di scatti.

Subito dopo la premiazione abbiamo sgabbiato i nostri campioncini, saluti abbracci e arrivederci alle prossime occasioni, caricate le macchie e via lungo l’A1 direzione casa che abbiamo raggiunto dopo 6 ore di viaggio, stanchi, assonnati, ma appagati e soddisfatti per un fine settimana unico che (come hanno detto Giada e Cristiano) peccato che c’è una volta all’anno o meglio meno male che c’è una volta all’anno ……….dipende dai punti di vista!

Adesso vorrei fare un piccolo elenco di ringraziamenti, voglio ricordare tutti coloro che hanno reso per me questa esperienza ancora più indimenticabile. Uso in questa occasione un ordine rigorosamente alfabetico.

Alberto B, il presidente del nostro club, sempre disponibile e fondamentale per l’organizzazione della mostra e per l’accompagnamento dei giudici stranieri ospiti; Alberto de A. che ho avuto il piacere di conoscere telefonicamente qualche giorni prima e di persona in questi giorni, osservandolo mentre giudicava quella marea di passeri, scambiando poi qualche chiacchiera la sera del sabato a cena e al ritorno  a tavolo in autogrill; Alberto N.C. non abbiamo quasi parlato, ma il saluto sincero e spontaneo appena incontrati la domenica mattina non necessitava altro da aggiungere; Aldo L. parlare con lui è sempre un piacere, un vero amico e dispensatore di consigli, sempre; Alessandro A. e la piccola Arianna, quest’anno non ha potuto affiancarmi nel lavoro fotografico perché c’era la sua piccoletta che gli ha portato via tanto tempo in giro per la mostra e per il mercato, anche lui però aveva la fotocamera al collo, e qualche scatto lo ha fatto; Alessandro S. come al solito i suoi bianchi si sono dimostrati all’altezza della manifestazione aggiudicandosi il premio come miglior stamm, e poi finalmente dopo un anno sono riuscito a consegnargli il gilet del club; Alessandro V. che come ogni anno ha affiancato i giudici stranieri nel giudizio dei mandarini, con cui poi son rimasto d’accordo per scambiarci qualche soggetto alla prossima esposizione a cui parteciperemo entrambi, i miei bruni petto nero hanno fatto colpo; Alex S. e la sua inseparabile metà, è sempre un piacere incontrarlo, l’ho dovuto ringraziare perché se questo sito è on-line il merito è soprattutto il suo che ha sopportato le mie insistenti richieste, per cercare di capire come districarmi in questo ambiente virtuale, naturalmente mi ha portato qualche soggetto particolare da farsi fotografare, e con molto piacere ho immortalato alcuni dei suoi ibridi (VEDI); Aniello C. ha partecipato in gran stile ingabbiando come al solito una gran varietà di esotici, e naturalmente facendo manbassa di piazzamenti, aggiudicandosi il miglior gruppo di 5 esotici ed un bel 93 con un codarossa, mutato è sempre un piacere scambiare quattro chiacchiere con lui; Antonio giusto un fugace scambio di parole, molti di noi conoscendoci soprattutto come nickname di forum non riusciamo poi a realizzarci visivamente quando ci incontriamo di persona; Carlo e Fabio M. anche quest’anno come al solito hanno dimostrato di avere dei mandarini di qualità, la migliore femmina mostra, anche quest’ano è stata la loro, una grigio petto bianco, ed ho avuto l’onore di prendere sua sorella, anch’essa esposta insieme ad altri petto bianco, Carlo ha fatto da cicerone per i due giorni agli ospiti olandesi per questo ci siano scambiati solamente qualche rapida battuta; Carlos B. immancabile e sempre presente nonostante il sabato era in olanda a Zwolle, anche quest’anno mi ha portato una bella coppia di Domino, ha esposto bei soggetti facendo il pieno di primi posti ed aggiudicandosi il miglior stamm esotico, con dei codarossa ancestrali, e miglior erythrura con un bel diamante pappagallo; Christian che non avevo riconosciuto mentre stava su in sala fotografica insieme ad Antonio, ed è stato lui a ricordarmi chi era, mi scuso con lui per non averlo riconosciuto; Daniele Z. che finalmente ho potuto conoscere personalmente dopo averne sentito parlare tanto e tante volte sia a casa di amici allevatori che in alcuni forum, i complimenti ci sono tutti nei suoi riguardi per i suoi gould per i suoi codalunga e per il suo bellissimo granatino che ha vinto come miglior esotico africano; Domenico F. dopo i contatti presi via forum e telefono  ci siamo incontrati la domenica mattina, un piacere conoscerlo, spero tanto che le due coppie che ti ho ceduto siano di suo gradimento e soprattutto che si comportino bene; Domenico P. vederlo così orgoglioso e incredulo per quei suoi risultati è stato davvero un piacere, ha superato il dubbio di partecipare o meno alla mostra dimostrando di avere dei soggetti fantastici, quando l’ho chiamato il sabato sera per comunicargli il suo 92 e 91 non stava nella pelle, ed un po’ anche io viste le lunghe chiacchierate telefoniche nei giorni precedenti la mostra, mi raccomando la ‘nduja che a pranzo non son riuscito ad assaggiarla; Edoardo V. impossibile non scorgerlo tra le gabbie, sempre presente e sempre disponibilissimo, quest’anno si è aggiudicato tra gli altri anche il miglior esotico con un bellissimo codarossa ancestrale; Emanuele L. accompagnato dall’inseparabile Clara anche quest’anno ha dimostrato quanto i suoi passeri siano ad un livello altissimo di selezione, naturalmente ho fatto un buon rifornimento di nero grigio e da lui la prima mia coppia di rosso bruno, grazie; Enea C. aveva promesso di portare un’ampia varietà di passeri e mandarini e così è stato, non avrà fatto il pieno di primi posti ma sappiamo benissimo che i suoi esemplari danno il meglio ad autunno inoltrato per chiudere in bellezza a dicembre quando c’è l’Italiano, mi ha rifornito ampiamente di mandarini e passeri tutti rigorosamente femmine, grazie; Fabrizio C. i suoi mascherati sono insuperabili lo dimostra il fatto che nel nostro ambiente il suo nome è sinonimo di mandarino mascherato, ho scherzato con lui tutto il week-end, è stato l’unico ad arrivare secondo con un 93, il miglior secondo; Giada e Cristiano hanno contribuito non poco allo svolgimento dei giudizi dei 156 passeri esposti, il miglio passero mostra è stato il loro, un nero bruno da 93 punti, che ahimè non son riuscito a fotografare perché troppo irrequieto, spero di sapermi rifare il prossimo anno; Gigi M. dopo un anno sabatico finalmente è tornato tra noi a piedi uniti, è stato un piacere scambiare due parole con lui, pero che le due coppie di mascherato siano di tuo gradimento e si comportino bene, ha scelto davvero una bella mutazione per iniziare la selezione, questa volta si è trattenuto fino al pomeriggio, partecipando al gustoso banchetto di mezzodì; Giorgio V. chissà perché ogni volta che ingabbiamo a Zebra’s siamo sempre vicini di gabbia, i miei poveri mandarini vedendo i suoi si vergognano un pochino, è motivo di orgoglio per noi avere allevatori bravi come lui che portano alto il nome della nostra nazione, quando poi mi ha fatto i complimenti per la mia grigia petto nero non stavo nella pelle; Irene B. non sono neanche riuscito a capire se ha portato una delle sue solite torte con cui ci delizia i pic nic, comunque l’ho vista molto soddisfatta del suo grigio perla che si è classificato al terzo posto, la strada è quella giusta; Ivano G. quest’anno con la nuova gestione dei dati della mostra è stato rinchiuso per quasi tutto il week-end nella segreteria, mi è stato di grade aiuto nel fornirmi le classifiche e le liste aggiornate, sicuramente avremo modo di collaborare in futuro; Luigi del V. ormai completamente addentrato nel ruolo di giudice IEI, ha affiancato Alberto nel giudizio dei passeri, mi ha chiesto più volte di poter fotografare i gould, purtroppo un po’ il tempo, un po’ gli aiuti che mancavano, non ho potuto fare nessuno scatto, organizzandoci meglio per il prossimo anno si riuscirà a fare qualcosa in più; Manuele P. il cuore pulsante di questa manifestazione, qualche piccola incomprensione la settimana della scadenza delle prenotazioni, tutto però è andato liscio ed anche quest’anno la manifestazione è stata un successo, i suo topazio sono una favola; Massimiliano G. arrivato in mostra la domenica mattina ho scambiato qualche battuta un paio di volte, spero che alla fine i bengalini di cui mi ha chiesto informazioni li abbia presi, quei piccoletti sono davvero belli e prolifici; Massimo E. instancabile ed onnipresente, ha sempre una parola per tutti, è stato uno dei pochi che ha passato gran parte dei due giorni a fare su e giù con le gabbie per farmi fotografare i soggetti, un ringraziamento particolare alla cara Vilma che ha seguito passo passo tutte le operazioni del servizio fotografico registrando ed annotando i soggetti ripresi, la cena in albergo è stata una chicca, è sempre un piacere stare con loro; Mauro F. il nostro presidente del Club del Passero del Giappone è sempre pieno di iniziative e buoni propositi, che trovano sempre ampio consenso, dalla stampa delle schede personalizzate, ai diplomi, alle bellissime medaglie, al trofeo per il miglior gruppo di 10 passeri a quello del best in show, senza dimenticare l’ottimo cibo al pic nic; Max T. dopo tante occasioni, nelle passate manifestazioni, finalmente ci siamo potuti conoscere personalmete, un grandissimo in bocca al lupo per l'allevamento; Roberto S. la sua toccata e fuga è una costante ma immancabile, quei mascherati guancia nera il prossimo anno li vogliamo vedere esposti a Zebra’s; Riccardo W. Spero di essermi fatto perdonare la mancanza dello scorso anno quando non gli fotografai nessun soggetto esposto, quest’anno ha sbaragliato ancor di più la concorrenza con i suoi bellissimi petto nero e quel fantastico faccia nera, mi ha dato una bellissima femmina di petto nero e con molto piacere gli ho dato uno dei miei soggetti esposti, un saluto particolare alla sua bella famiglia; Roberto G. quei ciuffolotti alla mostra bianca erano come delle mosche bianche in mezzo a tutti quegli esotici, fatto sta che ogni volta che li vedo me ne innamoro, prima o poi un pensiero dovrò farcelo; Sabina R. sempre accompagnata dalla sua dolce famiglia, non stancherò mai di ringraziarla per il suo apporto e perché è stato grazie a lei ed il suo forum che ho conosciuto questo mondo e tutti questi amici, ed in parte il sempre crescente successo di Zebra’s è anche merito di questi forum; Sergio L. un sincero grazie a lui per come ha contribuito ancor di più al rilancio del passero del Giappone in ambito nazionale in primis ed in secondo luogo con la sua “tigna” (così da lui definita) con mandarini INO, dando dei soggetti a me ed Enea ha contribuito a diffondere e far conoscere meglio questa nostra mutazione, sempre presente e disponibile ad ogni richiesta, anche di soggetti, e per me un punto di riferimento per la selezione del passero, che finalmente ho deciso di approfondire, grazie; Stefano A. anche lui come Alessandro ha coadiuvato i giudici stranieri, sempre presente in ogni edizione a cui abbia preso parte, le sue grigie hanno detto il fatto loro con uno bellissimo stamm esposto; Stefano G. gli faccio in primis i complimenti per il bellissimo risultato  ottenuto con le sue femmine dorso chiaro, l’ho scoperto leggendo le classifiche e non ho avuto modo di complimentarmi direttamente con lui, spero che i soggetti che gli ho portato gli siano di gradimento, è stato un piacere conoscerlo; Stefano T. ancora portava in viso la contentezza dell’eccellente piazzamento nella recente Nazionale del Gould in quel di Travagliato con un bellissimo blu testa crema, anche qui a Zebra’s ha fatto valere i suoi arcobaleni con le ali, anche per lui spero che i miei soggetti gli siano di gradimento e che riesca nell’esperimento che stiamo portando in parallelo, tentando qualche ibrido simile, un piacere fare la sua conoscenza; Tommy i suoi riccioli in giro per la mostra mercato erano inconfondibili, a quanto pare ha fatto un bel carico di passeri e becco d’argento, bravo così si fa, naturalmente i suoi hanno portato una cariolata di prelibatezze culinarie, immagino che la lasagna sia stata opera loro, purtroppo non sono riuscito ad assaggiarla; Valter P. instancabile ed immancabile membro del club è sempre presente alla manifestazione, nonostante non allevi da qualche anno, ho avuto la fortuna di ammirare i suoi grigio ed i suoi bruno, tutti sperano ad un suo ritorno all’allevamento me compreso; Victoria presentatami da Massimiliano a metà mattinata di domenica, la sua giovane età non nasconde la voglia di imparare ed immergersi in questo modo, un po’ timida incontrando dal vivo tutti noi che fino a qualche giorno prima eravamo solo un nickname, adesso ha potuto associare nomi a volti, e si renderà conto che avrà sempre un sacco di persone disponibili alle sue domande; Vincenzo P. è lui il mio allevatore tipo, l’obiettivo che vorrei un giorno raggiungere, i suoi mandarini fin dalla prima occasione hanno sempre trovato posto nel mio box fotografico, e con molto piacere ogni anno torno ad immortalare tutti i suoi 93, i suoi petto nero sono nella storia del mandarino italiano, i suoi combinati sono una gioia per gli occhi di chi li osserva, ho la fortuna di avere più di un suo soggetto in allevamento, ed ho avuto l’onore di cedergli uno dei miei. A concludere questa lunghissima lista di ringraziamenti voglio salutare tutte quelle persone che hanno contribuito alla riuscita di questa manifestazione, all’organizzazione, ai partecipanti, espositori e non, ai giudici, ai simpatizzanti ed alle nostre famiglie che in molti casi assecondano questa nostra passione, forse storcendo un po’ il muso.

Grazie a tutti

Stefano

 

Codici e scheda di ingabbio

Autocertificazione

 

Torna a Stagione Espositiva 2011

 
Copyright © 2011-2016, Stefano Giannetti
All Rights Reserved.
Slideshow is powered by phatfusion - Design by Next Level Design