Sanguinella comune - Digitaria sanguinalis PDF Stampa E-mail

Graminacea annua che germina e fiorisce tardi, molto comune nella flora pratense e ruderale. Ha foglie graminiformi non molto lunghe, fiori molto piccoli in spighette riunite in spighe che conferiscono alla sommità un aspetto di piede d’uccello fornito in media da 3 a 5 dita.

E’ una graminacea a ciclo annuale, alta 20-50 cm e formante ampi cespi con molte ramificazioni alla base. Le radici possono approfondirsi fino a 2 mt ed espandersi, nella pianta adulta, per un diametro di 4 m. Ogni pianta può produrre fino a 150.000 semi che, una volta nel terreno, per poter germinare hanno bisogno di temperature piuttosto elevate e abbondanza di umidità. La via preferenziale di disseminazione è costituita dal vento; tuttavia, anche l’acqua di irrigazione o di ruscellamento, oltre che gli animali e l’uomo possono contribuire all’introduzione di questa specie nei campi coltivati. Si tratta di una malerba che infesta molte colture primaverili-estive e che risulta particolarmente competitiva soprattutto perché sottrae azoto. Trattandosi di una specie ad alta efficienza fotosintetica, inoltre, può svilupparsi bene anche se ombreggiata dalla pianta coltivata; questo la mette in grado di svilupparsi anche quando la coltura ha raggiunto un grado elevato di copertura del terreno. Si tratta di una specie che predilige i campi coltivati, soprattutto quelli limosi o sabbiosi e che trattengono bene l’umidità; si avvantaggia in presenza di elevate quantità di azoto.

È una delle spighe che maggiormente fornisco in estate, è abbastanza reperibile sia in campi coltivati che quelli incolti. Come tutte le spighe le raccolgo e metto a disposizione nelle voliere a mazzetti. Essendo una spiga molto sottile e flessibile, finisce sempre come materiale per imbottitura dei ricoveri notturni e dei nidi.

Torna al menù Spighe

 
Copyright © 2011-2016, Stefano Giannetti
All Rights Reserved.
Slideshow is powered by phatfusion - Design by Next Level Design